Perché pettorina ad H e guinzaglio lungo?

2930Sono ancora molte le persone che nutrono dubbi sull’utilizzo della pettorina e che ritengono che il collare o addirittura il collare a strozzo siano strumenti più adatti alla conduzione del proprio cane in passeggiata; ancora troppe quindi le persone che ignorano i danni fisici e mentali che questi strumenti possono provocare sui nostri cani.

L’uso quotidiano del collare e del collare a strozzo può provocare traumi alle vertebre cervicali, lesioni alla ghiandola tiroidea, lesioni ai vasi sanguigni dell’occhio, danni alla trachea ed esofago.

I cani che vengono strattonati o tirati con il collare infatti possono incorrere in gravi problemi fisici e accusare dolori più o meno gravi al collo e alla schiena; la pressione esercitata dal collare sulla tiroide può provocare danni che potrebbero degenerare nell’ipotiroidismo, con gravi conseguenze sul metabolismo del cane; la pressione applicata alla gola può causare l’aumento della pressione intra-oculare con conseguente rischio di problemi generici alla vista e addirittura di cecità; nel collo è anche presente un nervo connesso a gola, cuore, polmoni, stomaco, intestino, fegato, cistifellea e pancreas: la pressione esercitata dal collare può quindi essere responsabile di irritazione a danno di questi organi, di un aumento della frequenza cardiaca e di una condizione di stress generalizzato nel cane.

Ma il collare e un’errata conduzione al guinzaglio possono provocare anche importanti danni psichici al nostro cane, rendendolo più irritabile, nervoso e aggressivo.

Ogni nostro strattone, anche se involontario – anche il cane che normalmente non tira può esercitare un’improvvisa trazione sul guinzaglio, magari per fiondarsi su un odore o per provare a rincorrere un gatto o un piccione –, provoca stress nel cane, può sviluppare associazioni mentali negative rispetto alla situazione che il cane sta vivendo in quel preciso momento, mina il rapporto di fiducia fra proprietario e cane, crea problemi di comunicazione fra conspecifici. Quando un cane incontra un suo simile dovrebbe essere libero di abbassare/girare la testa, di girarsi per mandare segnali di pacificazione, cosa che invece non gli è permessa dal collare e dal guinzaglio corto. Se poi a ciò aggiungiamo tutte le tensioni che noi proprietari vincoliamo attraverso questo strumento, ecco il perché del fatto che molti cani hanno problemi di comunicazione al guinzaglio, mentre liberi si rapportano perfettamente con i loro simili.

La pettorina ad H o norvegese a nostro parere è la più adatta: non ostacola il movimento del cane, non provoca alcun danno a livello fisico, offre al cane una completa libertà di movimento di muscoli e articolazioni. A essa dobbiamo aggiungere un guinzaglio di tre metri affinché il cane sia e si stenta più libero nella comunicazione con gli altri cani, e che gli permetterà di esplorare ed annusare durante la passeggiata. Con il guinzaglio di tre metri la maggior parte dei cani impara a non tirare spontaneamente. Iniziate già da cuccioli…

Non è sempre facile trovare presso i pet shop vicino a casa questo tipo di guinzaglio.. In questo caso potete crearlo da soli, prendendo una corda da arrampicata o da barca e aggiungendo un moschetto leggero in fondo.

Adesso sì che le vostre passeggiate saranno davvero rilassanti, piacevoli e divertenti per entrambi!!!

Silvia Sturla